Winedo
€€€
Via Aurelia, 137
Roma
Italia 00165
Phone: +390645686600 hotel logo
Spedizioni in tutta italia: consegna in due giorni lavorativi

- ORDINE -

Spedito in 1-2 giorni lavorativi.

TOTALE0,00

CARRELLO

23/07/2018

I vini da aperitivo: quali sono i migliori?

Ormai da qualche anno impazza la moda dell’aperitivo, un piacevole intermezzo culinario prima del pranzo o della cena, da gustare in compagnia di amici, magari dopo il lavoro.
E’ tipicamente un pasto frugale e meno impegnativo della cena, servito a buffet o comunque con piatti da condividere a centro tavola, nei quali troviamo salumi, formaggi, crostini vari, insalate di riso o pasta, focacce e rustici, taralli, olive e patatine, che molti accompagnano ad un cocktail leggero come lo spritz, altri a qualcosa di più alcolico come un gin tonic o moscow mule, altri ancora ad una bella birra fresca.

Negli ultimi tempi però, sempre più gente preferisce abbinarci un calice di vino, e di vini da aperitivo ce ne sono tantissimi, grazie anche alla sempre più ampia offerta di vini al calice a prezzi non esagerati.

Le caratteristiche ricercate in questi vini sono:

  • Alcolicità contenuta
  • Freschezza
  • Facilità di beva

Quali sono quindi i vini da aperitivo? Ecco i nostri consigli:

In cima alle preferenze degli “aperitivisti” ci sono le bollicine, in particolare il Prosecco, che con il suo prezzo contenuto si presta bene ad accompagnare un pasto “low cost” per definizione. Negli happy hour più esclusivi si servono anche Franciacorta e Oltrepò Pavese, più raramente una TrentoDoc.

Chi non ama le bolle troverà comunque sollievo nei bianchi aromatici come il Gewurtztraminer, il Muller-Thurgau, o altri bianchi freschi e dagli aromi fruttati, come lo Chardonnay, soprattutto all’aperto nelle sere d’estate. Altri bianchi interessanti possono essere a base Greco di Tufo, Falanghina, Malvasia, Grillo.

Sempre in tema di alcolicità non troppo elevate, un buon rosato fresco accompagna bene gli aperitivi più robusti, spesso chiamati “apericena”, dove abbondano i salumi e formaggi stagionati o addirittura delle mini grigliate. In questo caso sono perfetti i rosati da Primitivo e Negroamaro, anche spumantizzati,  con la loro perfetta combinazione tra freschezza e struttura.

Se invece siete amanti del vino rosso, sono da sconsigliare i rossi evoluti, le grandi DOC e DOCG italiane come Barolo, Brunello, Amarone, a vantaggio di vini giovani e di medio corpo, come Barbera, Syrah, Bardolino, o come il Lambrusco, perfetto da abbinare agli aperitivi emiliani a base di gnocco fritto e tigelle con salumi.

Claudio Latorre

admin

TORNA AL BLOG

Registrati su Winedo e scopri Edø : il nuovo sistema di apprendimento

Entra

EDØ PROGRESSI